Per il secondo anno di fila, il mese di settembre è stato il conclusivo e decisivo per il bilancio annuale di una stagione windsurfistica piena di impegni. Due regate molto importanti si sono tenute a distanza di solo una sola settimana, il campionato italiano Foil formula e slalom a Torbole e l'europeo ifca slalom a Neusiedl, in Austria. Per quanto riguarda la regata di Torbole, dove ho gareggiato solo nella disciplina formula foil, con l'attrezzatura IQ FOIL, posso dire di essere molto soddisfatto dell'evento nella sua completezza in quanto gareggiare con i migliori d'Italia mi ha fatto capire quali sono i punti su cui devo lavorare molto, visto che ho da poco deciso di approcciarmi alla classe olimpica, e quali quelli di forza da affinare ancora di più. A conclusione del campionato mi sono posizionato sesto assoluto e quarto under venti, che non è male considerato che è stato il mio primo approccio a questo format di regata. Dopo meno di una settimana mi sono diretto a nord dell'Austria, sul lago di Neusiedl per il campionato europeo. Nonostante le difficoltà dello spot, causa l'acqua bassa e il fondale argilloso, il vento molto bucato, la pioggia e le temperature non superiori ai 15 gradi, partecipare per la prima volta ad una vera regata slalom, con i rider miei coetanei migliori del mondo mi ha reso ancora più deciso nel voler continuare a migliorare sullo slalom e a partecipare ad altri eventi internazionali, così da mettermi nuovamente in gioco e confrontarmi con gli altri per migliorare sempre più. Anche se avrei potuto, e sicuramente sarei stato ancor più soddisfatto, concludere due posizioni avanti rispetto a quella mia attuale, cioè undicesimo, sono anche in questo caso uhren replica entusiasta di aver partecipato ad un evento di questo calibro e aver gareggiato con atleti provenienti dall'altra parte del mondo. Un grazie particolare va al circolo che mi ha sostenuto ad ogni regata ma soprattutto ai miei sponsor.